Santuario della Madonna Salute degli Infermi

Il Santuario della Madonna Salute degli Infermi (Maria Salus Infirmorum) ebbe origine da un piccolo affresco, realizzato sul muro di una stalla, che raffigura la Vergine vestita come un’infermiera celeste con il grembiule che copre il manto da regina (1665). Per questo alcuni l’hanno chiamata con il titolo di “Madonna infermiera”.

Ma è molto più significativo pensarla come Maria che porta in grembo Gesù, tanto più che sopra il suo capo è raffigurato lo Spirito Santo nella immagine della colomba. La devozione popolare fece sì che la nicchia con l’affresco venisse trasformata in una piccola edicola e successivamente (1715) in un tempietto ottagonale edificato dalla famiglia veneziana dei conti Venier che avevano in queste terre i loro beni.

Tra il 1910 e il 1923, in seguito all’aumentare dei pellegrinaggi dovuti alla fama dei miracoli ottenuti, la chiesa fu ingrandita, per volontà dell’allora parroco di Pozzoleone Mons. Elia Dalla Costa. Dal 1954 è parrocchia autonoma e dal 1993 è affidata a una comunità di religiosi Marianisti, accolti dal Vescovo Mons. Pietro Nonis. Degni di rilievo sono il noto Presepio Biblico “Don Giulio dall’Olmo”, il sacerdote ideatore e realizzatore, ed il grande Mosaico di p. Marko Ivan Rupnik.

Nell’anno giubilare del 2000 il Santuario è stato una delle chiese giubilari della Diocesi e il movimento di pellegrinaggi è stato così intensa, che il Consiglio Pastorale Parrocchiale si è sentito in dovere di valutare seriamente la proposta di ampliare la parte del Porticale, cosa che è stata realizzata nel 2003.

Altra tappa molto importante nello sviluppo del Santuario è stata la decisione, maturata dopo l’Anno Giubilare della Misericordia, di realizzare un’opera di carità, a servizio dei bisognosi, valorizzando tutto l’edificio della vecchia cascina, ormai fatiscente, a lato del Santuario.Dopo diversi incontri con gli organismi competenti, l’avventura è iniziata nella primavera del 2016 e si è conclusa nella primavera del 2019.

La nuova struttura è molto bella, sembra quasi scaturire dal Cuore di Gesù Eucarestia e dal Cuore di Maria. Fede e carità: un binomio inseparabile. E’ dedicata a Maria “Madre della Misericordia”, richiama lo stile precedente, ma totalmente rivisitato, e può accogliere una quindicina di ospiti.

La benedizione della Casa è avvenuta solennemente domenica 23 giugno 2019 con una celebrazione semplice, ma molto partecipata e intensamente vissuta, presieduta da S.E. Mons. Beniamino Pizziol, vescovo di Vicenza.

marianisti

Chi siamo

L'invito ad animare questo Santuario da parte del Vescovo Mons. Pietro Nonis nel 1993, ci è parso, da subito, una grande grazia del cielo. "Siete consacrati a Maria, ci ha detto il Vescovo, per questo vi affido l'animazione del Santuario mariano di Scaldaferro". L'ingresso è avvenuto il 18 settembre 1993. Siamo religiosi fratelli e sacerdoti, consacrati a Maria…

continua a leggere

Attività recenti

Attualità, Comunità

30 Luglio 2020

È Dio, quindi mi somiglia

Non è nostro compito predire il giorno – ma quel giorno verrà – in cui degli uomini saranno chiamati nuovamente a pronunciare la parola di Dio in modo tale che …

Attualità, Notizie

1 Luglio 2020

La ricerca. Rinascita del sentimento religioso o della fede?

Giuseppe Lorizio domenica 17 maggio 2020 Il grido di dolore del cavalier Antonius, nella partita a scacchi con la morte, rappresentata in maniera geniale da Ingmar Bergman ne Il settimo sigillo, …

Attualità

1 Luglio 2020

LA SPERANZA SI NUTRE DI SILENZIO

“In più di 70 anni non avevo mai vissuto un silenzio così intenso». Nei mesi del lockdown tutti abbia­mo percepito un silenzio inedito, ma fa un certo effetto sentir pronuncia­re …

Orari e Bollettino

Entra nella pagina per leggere nel bollettino parrocchiale gli avvisi della settimana, l'orario delle confessioni, le proposte o le varie iniziative del periodo, le novità legate al tempo liturgico dell'anno o ad avvenimenti particolari.

vai alla pagina

Orario Santa Messa

La Chiesa però è aperta tutto il giorno dalle ore 06.45 fino alle ore 19,30 per la preghiera personale.

 

SANTA MESSA

FERIALE: ore 7.30 (ore 7.15 lodi)

ore 19.00 S. Rosario e Vespri

SABATO SERA E VIGILIA FESTE: ore 19.30

DOMENICA E FESTIVITA: ore 7.30 – 10.00 – 16.00

CONFESSIONI

GIOVEDI:   ore 16.00 – 18.00

VENERDI:   ore 16.00 – 18.00

SABATO: ore   8.30   – 11.00     e     ore 15.30 – 18.00